patrocini
velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro velia teatro
velia teatro
velia teatro: edizione 2008

Programma Edizione 2014

4 Agosto

Che cos’era la Magna Graecia

Breve incontro con Piero Di Giovanni
Professore di Storia della filosofia all’Università degli Studi di Palermo, autore del libro «La storia della filosofia nell’età classica» (Franco Angeli Editore).

a seguire

A.T.I.R. Associazione Teatrale Indipendente per la Ricerca

EROS E THANATOS - SCHEDA SPETTACOLO

di Serena Sinigaglia
con Serena Sinigaglia, Sax Nicosia, Sandra Zoccolan
disegno luci Roberta Faiolo
musiche a cura di Sandra Zoccolan
musiche originali e sound design Mario Redemagni

(Unica data in Campania)

download programma


5 Agosto

Borderline Danza (Italia)
Arabesque Joint Stock Company (Vietnam)

Le Metamorfosi
La trasformazione del conflitto

- SCHEDA SPETTACOLO

Concept, coreografia e regia Claudio Malangone
Assistente alla regia e coreografia Rossella Canciello
Autori/interpreti Rossella Canciello, Vincenzo Capasso, Marta Cinicolo, Adriana Cristiano, Natalia Cristofaro, Alessandro De Santis, Ngô Thanh Phương, Vũ Ngọc Khải, Nguyễn Hữu Thuận, Đào Thụy Thúy Vân
Musiche AAVV
Video Checco Petrone
Disegno luci e scene Francesco Ferrigno
Costumi Michela Chirico
Collaborazione alla drammaturgia Daniela De Bartolomeis
Collaborazione artistica e tecnica Nguyễn Tấn Lộc
(Direttore Arabesque Joint Stock Company) Manager di produzione Italia Maria Teresa Scarpa

download programma


6 Agosto

La Mansarda

LISISTRATA - SCHEDA SPETTACOLO

di Aristofane

adattamento di Roberta Sandias
Regia Maurizio Azzurro
Maschere Emilio Bianconi
Scene e Costumi Collettivo la Mansarda
Interpreti Simona Di Maio, Valentina Elia, Diane Patierno, Federica Coppola, Gennaro Di Colandrea, Antonio Vitale, Roberta Sandias, Paola Maddalena, Chiara Cianciola, Sebastiano Coticelli, Pasquale D’Orso e gli Allievi Attori del Laboratorio Teatrale Permanente della Compagnia La Mansarda Teatro dell’Orco

download programma


8 Agosto

PerchE' Fedra? - SCHEDA SPETTACOLO

Eva Cantarella, tra le più grandi studiose contemporanee della classicità, grecista e docente di Diritto greco e romano, introduce lo spettacolo con un breve intervento sul mito di Fedra.

a seguire

Fedra.
Diritto all’Amore

Testo originale di Eva Cantarella
Con Galatea Ranzi nel ruolo di Fedra.
Regia e Immagini Consuelo Barilari.
consulenza drammaturgia e testi greci Marco Avogadro.
musiche Andrea Nicolini.
Luci Liliana Iadeluca.
Editor video ed immagini Angela Di Tomaso
Creazione oggetti di scena Paola Ratto.
Sarta Umberta Burroni.
Suono Rinaldo Compagnone.
La canzone finale è di Carmen Consoli.

(unica data in Campania)

download programma


13 Agosto

CLERO CRIMINALE

Breve incontro con Giovanni Romeo
Professore Ordinario di Storia moderna presso l'Università Federico II di Napoli autore con il Prof. Michele Mancino, della stessa Università, del libro "Clero criminale" (Editori Laterza) intervistato da Marcello Giani del Foro di Salerno.

a seguire

Festival della Commedia Antica di Marzabotto
Politecnico Teatro di Roma
Rosae Open Art

Ipazia - SCHEDA SPETTACOLO

dal "Libro di Ipazia" di Mario Luzi con Cinzia Maccagnano, Fabio Pappacena, Andrea Bonella, Alessandra Cavallari, Arianna Saturni, Roberto Zorzut
Movimenti scenici Michèlle Sigillo Ellis
Scenografia Marina Schindler
Musiche Claudio Carboni, Daniele Biagini
Regia Roberto Zorzut

download programma


16 Agosto

Associazione Ca’ Rossa / Centro Teatrale per l’Oralità

Ora X: Inferno di Dante - SCHEDA SPETTACOLO

Testi poetici di Dante Alighieri

di e con Matteo Belli
Dialoghi Matteo Belli
Scena, luci, fonica Luigi Sermann
Maschera Roberta Antinori
Organizzazione Maurizio Sangirardi

download programma



FORUM UNIVERSALE DELLE CULTURE
PARCO ARCHEOLOGICO DI ELEA-VELIA – ASCEA (SA)
LA VIA DELL’ESSERE: ELEA-VELIA


«PLATONE A TEATRO»

Regia di Bob Marchese. Con Bob Marchese, Fiorenza Brogi, Antonio Silvia, Mattia Mariani, Silvia Nati, Antonio Sposito.

DAL 19 AL 22 AGOSTO ORE 21
ingresso libero fino ad esaurimento posti

L’acropoli del Parco Archeologico di Elea-Velia ospita da martedì 19 a venerdì 22 agosto «Platone a teatro»: rappresentazione di percorsi filosofico-drammatici ricavati dai Dialoghi di Platone. Un ciclo di quattro spettacoli che si inserisce nel programma «La via dell’Essere: Elea-Velia», coordinato da Franco Ferrari, professore di Storia della filosofia antica all’Università di Salerno, e parte integrante del circuito del Forum Universale delle Culture promosso dall’Unesco nei siti Patrimonio dell’Umanità di Napoli e Campania.
Il ciclo è ideato e curato dal filosofo Giuseppe Cambiano, autore delle traduzioni dal greco, per la regia di Bob Marchese. Martedì 19 agosto, è «Il filosofo e il filosofare», originale adattamento scenico con brani tratti da diversi Dialoghi di Platone («Protagora», «Repubblica», «Teeteto», «Fedro»). Mercoledì 20 agosto, «La violenza e l’ingiustizia», tratto dal «Gorgia» di Platone. Giovedì 21 agosto, «L’Eros», tratto dal «Simposio» di Platone. Venerdì 22 agosto, «Le vie della ricerca e della critica: Parmenide e i filosofi di Elea», rappresentazione costruita con brani ricavati dai due Dialoghi di Platone «Il Parmenide» e «Il Sofista».


19 Agosto E' "di scena"

«Il filosofo e il filosofare»

Consulenza filosofica di Giuseppe Cambiano. Presentazione di Franco Ferrari.

«Il filosofo e il filosofare» è una rappresentazione composta con brani ricavati da diversi Dialoghi di Platone («Protagora», «Repubblica», «Teeteto», «Fedro»). Riflettendo sulla figura di Socrate, che egli aveva seguito negli anni della giovinezza, Platone delinea i tratti essenziali della figura del filosofo, che non vende le sue conoscenze come merci, al pari del sofista, né affida alla scrittura un presunto sapere immutabile, offerto a destinatari impersonali, di cui egli nulla sa. Il filosofo procede invece attraverso un’interrogazione incessante portando i suoi interlocutori a liberarsi dalle credenze erronee o dalla convinzione di essere possessori di sapere e fa loro partorire (metafora della levatrice) il sapere che è occultato nelle loro anime. In tal modo egli libera se stesso e gli altri dalle catene che legano al mondo sensibile, instabile e pieno di contraddizioni, per indirizzare alla ricerca della verità e del bene.

download programma


20 Agosto

«LA VIOLENZA E L’INGIUSTIZIA»

Consulenza filosofica di Giuseppe Cambiano. Presentazione di Giovanni Casertano.

«La violenza e l’ingiustizia» è uno spettacolo tratto dal Dialogo «Gorgia» di Platone. Nell’opera, il retore Gorgia persuade con la sua abilità oratoria, senza preoccuparsi della verità e bontà di quanto dice, ma facendo leva solo sulle emozioni degli ascoltatori. A convincere un malato ad affrontare una grave cura, ad esempio, Gorgia si era dimostrato superiore a suo fratello, che pure era medico. In un crescendo di violenza verbale, che si palesa anche nelle risposte degli interlocutori alle domande di Socrate, si arriva alla posizione estrema di Callicle, discepolo di Gorgia, che finisce con l’esaltare un altro e più radicale tipo di violenza, ovvero la tirannide del più forte che punta a soggiogare i più deboli e a prevaricare su di essi.

download programma


21 Agosto

«L’EROS»

Consulenza filosofica di Giuseppe Cambiano. Presentazione di Lidia Palumbo.

«L’eros» è una rappresentazione tratta dal «Simposio» di Platone. Partendo da questo Dialogo del filosofo ateniese la scena descrive un banchetto in cui i presenti tessono le lodi dell’amore sotto vari punti di vista. In questo contesto, il filosofo Socrate indica nella figura di Eros, demone indigente figlio di Penìa (Povertà) e quindi pieno di desiderio di raggiungere ciò che non possiede, la bellezza. Ma in Eros, in quanto anche figlio di Poros (Ricchezza) e dotato delle risorse per muoversi alla ricerca di essa, mostra anche i tratti decisivi della figura del filosofo, come amante del sapere. Anche il filosofo, infatti, essendo privo del sapere (che soltanto la divinità possiede nella sua pienezza), è mosso dall’amore del sapere e quindi dal desiderio di raggiungerlo, dedicando la sua vita a questa ricerca.

download programma


22 Agosto

«LE VIE DELLA RICERCA E DELLA CRITICA: PARMENIDE E I FILOSOFI DI ELEA»

Consulenza filosofica di Giuseppe Cambiano. Presentazione di Franco Ferrari.

«Le vie della ricerca e della critica: Parmenide e i filosofi di Elea» prende vita da testi tratti da due Dialoghi di Platone: «Il Parmenide» e «Il Sofista». La rappresentazione, in forma dialogica, ha come protagonista Parmenide e il suo allievo Zenone, eleate come il maestro e si sofferma anche sui frammenti superstiti dell’opera di Parmenide («Sulla Natura» o in greco, «Perì Physeos»), in particolare il brano che descrive il viaggio verso la verità, con il carro guidato dalle «Figlie del Sole» davanti alla dea che svela che l’essere è.
L’incipit della messinscena è tratto dal dialogo «Parmenide» di Platone, con il viaggio di Parmenide e Zenone ad Atene dove incontrano Socrate. In due incontri carichi di significati simbolici è appunto il Socrate platonico a riconoscere il suo debito nei confronti del pensiero dei filosofi di Elea Parmenide e Zenone. Nel primo Zenone espone i suoi «paradossi» e Parmenide racconta in versi lo straordinario viaggio del filosofo verso la conoscenza. Nel secondo Socrate, impegnato a smascherare il sofista, stregone e illusionista, seduttore, attraverso i suoi discorsi, e «cacciatore retribuito di giovani e di ricchi», incontra uno straniero giunto da Elea, discepolo del grande Parmenide. Per poter confutare radicalmente il Sofista, lo Straniero di Elea deve mettere alla prova il discorso dell’amato maestro Parmenide fino a essergli infedele. Si prepara qui l’evento più drammatico della filosofia antica, il «parricidio» del maestro. Mentre per Parmenide il falso, il non essere di cui si nutre il Sofista, non può essere né pensato né detto, occorre invece poter affermare che il falso esiste ed è possibile enunciarlo.
Nel finale tre filosofi contemporanei riflettono da punti di vista diversi sulla grande esperienza della filosofia eleatica. Martin Heidegger ne sottolinea la «maestosità» simile alle statue greche arcaiche e l’inesauribile ricchezza. Bertrand Russell dimostra come i paradossi di Zenone, dopo oltre duemila anni, siano alla base della matematica moderna. Karl Popper mette in luce come proprio il drammatico momento del «parricidio», sia la radice dell’atteggiamento razionale e scientifico della civiltà occidentale.

download programma


velia teatro: edizione 2008

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21,00

Inizio spettacoli ore 21,00. A spettacolo iniziato sarà tassativamente vietato l’ingresso per la durata del primo quadro o atto.
Servizio navetta gratuito in partenza dal parcheggio al Parco Archeologico di Elea-Velia.
L’organizzazione si riserva la facoltà di apportare eventuali modifiche al programma